“Lo Schiaccianoci e i Quattro Regni” – Recensione in Anteprima. Al Cinema dal 31 Ottobre 2018

Lo Schiaccianoci e i Quattro Regni”

Recensione in Anteprima.

Al Cinema dal 31 Ottobre 2018

La Disney fa sempre le cose in grande e questa volta si prende anche dei rischi. Si mescola il racconto fantastico scritto da E.T.A.Hoffmann nel 1816 e il gioioso balletto natalizio musicato da Čajkovskij quasi un secolo dopo. Il cast scelto è sicuramente d’impatto con nomi illustri come Morgan Freeman, Keira Knightley e Helen Mirren e in effetti ognuno di loro siamo più abituati a vederli in situazioni differenti. Il ruolo della protagonsita è stato affidato a Mackenzie Foy che è passata dalla saga “Twilight”, al genere horror con “L’Evocazione” e a lavorare con Christopher Nolan in “Interstellar”. Tutte pellicole diverse tra loro e in poco tempo questa giovane attrice si è fatta strada partecipando ogni volta a pellicole davvero valide e di gran successo. Anche la scelta dei registi è stata rischiosa; Joe Johnson è sicuramente più a suo agio con i grossi budget e ha diretto questo film in coppia con Lasse Hallstrom che sostanzialmente è regista specializzato in film melo-drammatici con pochi personaggi e quindi al suo primo film d’alto budget con effetti speciali.

Il risultato?…

..bisogna precisare che a queste scelte più rischiose il film gli affianca sempre un qualcosa di decisamente standard e classico cosa che fa perdere molto del suo potenziale. Il mondo fantastico assomiglia troppo ad altri già visti (il mondo Narnia su tutti ma anche altri) ma troppo caricato su molti aspetti estetici, i personaggi risultano abbozzati la maggior parte e troppo precisi nelle loro caratteristiche i protagonisti. Inoltre il film dura troppo poco e sembra voler correre per raccontare tanto nei suoi 100 minuti di durata portando cosi a troppi passaggi in cui si capisce poco e in maniera molto abbozzata.

Gli aspetti più tecnici conquisteranno davvero tutti e anche i più piccoli si perderanno nelle scenografie maestose e nelle musiche decisamente ben arrangiate da James Newton Howard e se proprio non diventerà un “grande classico Disney” il film scorre semplice e tranquillo nella sua narrazione.

E quei passaggi cosi “rischiosi”?

Il cast risulta poco usato e i grandi nomi come Helen Mirren e Morgan Freeman fanno poco più di una comparsata; la storia si concentra su Keira Knightley in un ruolo che gli sta proprio bene sopratutto nella seconda parte e Mckenzie Foy che, pur risultando una tipica principessa, riesce a metterci del suo e a dimostrare tutta la sua bravura. Il racconto e la parte danzante si mescolano anche abbastanza bene e seppur i balletti sono tecnicamente straordinari risultano un po’ forzati all’interno della trama quasi come se fosse una piccola parentesi obbligata. La coppia di registi si completano..ma non proprio nel migliore dei modi. Joe Johnson se la cava sempre bene con effetti speciali e le parti più d’azione invece Lasse Hallstrom rimane visibile solo nei momenti più soft tra personaggi senza portare molto altro al racconto. Nel film ci sono altre scelte decisamente fuori dagli schemi ma non producono l’effetto sperato e si perdono in un film non del tutto riuscito.

In definitiva forse un film più adatto per i più piccoli che faranno la conoscenza di un nuovo mondo fantasioso e di una nuova principessa da amare e, per una volta forse va bene anche cosi senza per forza andare a pretendere che il risultato sia soddisfacente su tutti gli aspetti.

Andrea Arcuri Radioblabla

Autore dell'articolo: La Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *