Hubbastanza, il centro espostivo di Via Mac Mahon, ospiterà fino al prossimo 1 Febbario la raccolta fotografica ‘ Somewhere in Milan’ di Elisabetta Pina.

Hubbastanza, il centro espostivo di Via Mac Mahon, ospiterà fino al prossimo 1 Febbario la raccolta fotografica ‘ Somewhere in Milan‘ di Elisabetta Pina.

Di professione giornalista ma appassionta da sempre di fotografia, Elisabbetta Pina omaggia la sua Milano con una serie di scatti che svelano una “personalità” ancora poco conosciuta di questa metropoli. Ecclettica, effervescente e con un forte retaggio storico la Milano vista attraverso gli occhi di Elisabbetta Pina non ha nulla da invidiare alle più rinomate capitali Europee. Immortalando non solo scorci nascosti del quartiere in cui si trova lo spazio Hubbastanza, la mostra svela al pubblico una città che si fa scopire ma anche di un rione in forte mutamento e che vuole essere raccontanto. Molti i visitatori, amici e gente del quartire Mac Mahon che hanno partecipato all’ apertura della mostra e lasciato il loro contributo. Geniale infatti l’idea di rendere “interattiva” l’esposizione: al pubblico non viene solo chiesto di indovinare dove si trovano gli scorci ritratti ma è anche chiamato a contribuire attivamente all’ esposizione fotografica proponedo una didascalia, lasciando un commento o un intervento che arrichisca le fotrografie di una prospettiva del tutto soggetiva.

Con questa sorprendete scelta e le bellissime immagini di Elisabbetta Pina, la mostra ‘Somewhere in Milan’ incarna molto bene lo spirito di condivisione e incrontro con il quale è nata l’idea di Martina Dal Cin di creare lo spazio Hubbastanza. Un centro che non solo ospita lo studio di architettura di Martina Dal Cin ma è anche uno spazio progettato come contenitore, da rienpire con eventi, workshop e seminari che abbiano come filo conduttore la creatività. L’area espositiva Hubbastanza, può così regalarci meravigliosi emozioni, con mostre come quella di Elisabbetta Pina, ma incoraggiare anche i suoi ospiti al dialogo e al confronto, favorendo l’ instaurarsi di relazioni professionali e amatoriali arricchenti per tutti coloro che si lasciano trasportare dal quel vortice di creatività che solo l’ Hubbastanza può scatenare.

Roberta De Grandi Radioblabla

Autore dell'articolo: La Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *