MILANO RICORDA GIORGIO GABER – Un concerto all’Après Coup e una targa commemorativa per gli 80 anni dell’artista

MILANO RICORDA GIORGIO GABER

Un concerto all’Après Coup e una targa commemorativa per gli 80 anni dell’artista

La splendida struttura dell’Après Coup in zona Porta Romana (bistrot, teatro, galleria d’arte dal bellissimo stile decò, ottimo cibo, calorosa accoglienza e calendario eventi di prim’ordine) ha fatto da proscenio giovedì 24 gennaio allo spettacolo “Qualcuno era Comunista”, omaggio al grande artista milanese Giorgio Gaber scomparso 16 anni fa, che avrebbe compiuto 80 anni in questo periodo. Molto seguita e applaudita la performance di Federico Sirianni, pluripremiato cantautore genovese la cui passione per il Signor G. nasce assistendo giovanissimo agli spettacoli di Gaber sulla spinta di suo padre che glie lo aveva fatto conoscere artisticamente. Da “far finta di essere sani”, fino a “non insegnate ai bambini” per chiudere con l’intramontabile e conosciutissima “La libertà” cantata dai moltissimi presenti, l’artista ha provocato emozioni e ricordi di un personaggio che rimarrà indelebile nei cuori dei suoi tanti estimatori. La serata ha visto anche la partecipazione della Fondazione Gaber.

Il ricordo è poi proseguito venerdì 25, giorno del compleanno dell’eclettico artista, inventore del teatro canzone. Una targa in suo onore è stata scoperta il via Londonio, 28 casa natale di Gaber, alla presenza della figlia Dalia con i figli Lorenzo e Luca e della moglie Ombretta Colli.

Ugo Rossi

Direttore radioblabla

Autore dell'articolo: La Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *