Non su questa terra..Giulia e Spiderman

Non su questa terra..Giulia e Spiderman

Allo Spazio Tertuliano fino a Domenica 10 Febbraio, è in scena “Non su questa terra”, una produzione Puntoteatrostudio, con la regia di Francesco Errico, e sul palco Rossella Guidetti con Salvatore Aronica, nel 2016 lo spettacolo ha vinto il premio Residenza Anna Pancirolli.


Non su questa terra, è una storia dei giorni nostri, con un linguaggio moderno.Giulia, una ragazzina di 15 anni, si sente trasparente, non vista, un numero in mezzo ai numeri, la sua reazione è una rabbia violenta che esplode, contro tutti quelli che gli stanno intorno. Diventa una Bulla, e la sua insofferenza si abbatte contro i compagni di scuola, quelli ritenuti “gli sfigati”, contro i professori e contro i suoi genitori.Li divora e li sottomette tutti, e resta sola a quel punto la decisione, salire sul tetto di un palazzo e farla finita.
Li su quel tetto, nel momento prima di cadere arriva Spiderman, un supereroe, si ma particolare, perchè senza il suo costume il nostro Uomo Ragno è uno di quei ragazzi sfigati, che Giulia di solito divora.
Un viaggio dentro le paure di tutti noi, una ricerca di rapporti veri e di liberazione, anche Spiderman ha i suoi demoni che lo tormentano, per liberarsi entrambi, affronteranno un viaggio estremo, giù da quel palazzo, perchè solo scendendo in fondo e affrontando le proprie difficoltà in faccia, ci si può


Ottima prova di Rosella Guidetti e di Salvatore Aronica il primo attore Italiano che veste i panni dell’ Uomo Ragno.Ottima la scrittura e la regia di Francesco Errico.
Questo è uno spettacolo da portare nelle scuole e nelle famiglie, uno spettacolo da vedere, perchè alla fine quando decidiamo di confrontarci col male, non sorprendiamoci se arriveranno i supereroi ad aiutarci.
Stan Lee sarebbe, sicuramente felice di vedere il suo Ragno, affrontare questa sfida.Imperdibile prenotate andate a vederlo, sul sito dello Spazio Tertuliano troverete le info ma affrettatevi mi raccomando!!!

Silvio Olivetti Radioblabla

Autore dell'articolo: La Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *