La Leonessa si arrende ad una spietata Trento

Germani Basket Brescia – Dolomiti Energia Trentino 79-84 (22-16, 42-37, 52-61) 

Nel posticipo di serata, la Germani Basket Brescia cade nuovamente in casa e lo fa contro la sua “bestia nera” chiamata Trento.

Il Primo Tempo: Nella prima frazione di gioco, la Leonessa aggredisce subito la partita e dopo i primi 5’ si trova avanti sul 17-8, dopo un comodo appoggio di Beverly. La Dolomiti, però non si spaventa ed accorcia sul -4, ma con una poderosa schiacciata di Abass, che fa esplodere di gioia il popolo bresciano si chiude al 10’ sul 22-16. Nel secondo periodo, i padroni di casa allungano sulla doppia cifra di vantaggio e provano così a scappare in modo concreto e coach Buscaglia decide quindi di richiamare i suoi all’ordine. I bianconeri, infatti,  riescono a scuotersi e con un paio di canestri riducono lo svantaggio sul 38-35. Si va negli spogliatoi sul 42-37 in favore di Brescia. 

Il Secondo Tempo: In avvio di ripresa, la Dolomiti con un parziale di 2-8 trova il vantaggio e coach Diana deve ricorrere ad una sospensione. Il buon momento degli ospiti non si arresta e con una serie di conclusioni dalla lunga distanza, il tabellone recita +12 (49-60). A 10’ dal termine, la Dolomiti Energia Trentino conduce sul 52-61, grazie ad un break di 10-24. Nella prima metà dell’ultima frazione i ragazzi di Buscaglia volano sul +14  e tentano di dare la stoccata decisiva. La Germani non si arrende e negli ultimi minuti trascinata dall’entusiasmo di tutto il pubblico accorcia sul 72-77, cercando cosi la rimonta. A 1’ dalla fine alla Leonessa viene fischiato un fallo tecnico e sembra essere la fine. Come si suol dire la speranza è l’ultima a morire e con Vitali, Brescia arriva sul -3, ma non basta perché a vincere è Trento, che si salva dopo l’errore di Hamilton che avrebbe portato il match all’overtime. La gara di conclude sul 79-84. 

Top Brescia: Hamilton 19, Abass 19, Vitali 14

Top Trento: Marble 13, Forray 13, Craft 12

Foto: Twitter LBA

Lorenzo Lubrano per RadioBlaBla

Autore dell'articolo: La Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *