Il valore dell’informazione. Addio Gordon Gekko

«La comodità più grossa che conosca è l’informazione: non ne convieni?». Celebre, solenne, ed al tempo stesso cruda e tagliente considerazione di una reale e pesante verità: quella dell’informazione.

Sono trascorsi ben oltre trent’anni dalla produzione del film Wall Street interpretato da Michael Douglas –  nei panni dello spietato Gordon Gekko – affiancato dal suo aspirante delfino (che vorrebbe diventare squalo) Bud Fox (impersonato da Charlie Sheen), il tutto sotto la guida di Oliver Stone ovvero di una regia meticolosa, attenta e pragmatica al pari di ogni informazione. E proprio dell’ «informazione», quale «comodità più grossa», si faceva vanto Gordon nei confronti del povero Bud: un confronto impari, duro e sfrontato, sia nella dialettica che nella sostanza. Ma Gordon aveva ragione. E Bud aveva inevitabilmente torto perché “non sapeva” o forse è meglio dire che non sapeva abbastanza.

Gordon – lo squalo – voleva sapere, sapere sempre di più. Bud, invece, non comprendeva il vero e proprio valore dell’ «informazione»: quel tipo di informazione. Bene, a Bud o chiamato più amichevolmente Buddy, è stata data un’altra possibilità: «Vuoi un’altra chance? E allora smetti con certe informazioni. E da ora procuramene serie». Questa l’affermazione usata da Gordon per iniziare a carpire la sete di rivalsa ed affermazione dell’aspirante squalo. Quanti avrebbero accettato il compromesso proposto ed imposto da Gordon? Quanti avrebbero rifiutato? Quanti …

Probabilmente trent’anni fa – in molti – avrebbero acconsentito a questo tipo di matrimonio con l’ «informazione». Oggi, nella quotidianità delle fake news, in molti, moltissimi, ne sarebbero caduti vittime al pari delle «pecore». Quelle stesse «pecore» che Gordon vede «scannate».

Noi di Radio Bla Bla amiamo l’informazione, quella vera, quella oggettiva ed indipendente perché rivolta a Tutti Voi che ci ascoltate. 

Ci spiace ma non è più il tuo tempo: addio Gordon.

Stefano Masa Radio Bla Bla  

Autore dell'articolo: La Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *