LaVerdi – ABBA: tributo sinfonico. Sabato 6 aprile 2019 ore 20.30

ABBA: tributo sinfonico

Per il secondo appuntamento con laVerdi POPs

protagonista è la musica del celebre gruppo svedese

Sabato 6 aprile 2019 ore 20.30

Auditorium di Milano, largo Mahler

Gli ABBA – Un tributo sinfonico

Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi

Ensemble vocale

Direttore Andrea Oddone

 

Da “Mamma mia” a “Fernando”, da “Dancing Queen” a “Take a chance on me”: tutti i grandi successi degli ABBA suonati dal vivo da una grande orchestra sinfonica. Dopo il doppio sold out delle due date del tributo alla musica dei Queen (2 e 3 marzo 2019) laVerdi prosegue in un percorso che la vede protagonista assoluta nel panorama italiano: la contaminazione tra la musica classica e quella del mondo rock e pop. Un’operazione utile non solo ad avvicinare generi musicali apparentemente lontani, ma anche a creare un ponte ideale tra generi e pubblico apparentemente lontani. Così il secondo appuntamento della mini-rassegna “laVerdi POPs” vede protagonista la musica di uno dei gruppi più iconici del pop internazionale: gli ABBA. Nato in Svezia nel 1972, il gruppo (che prende il nome dalle iniziali dei componenti Agnetha Fältskog, Björn Ulvaeus, Benny Andersson e Anni-Frid Lyngstad) con all’attivo oltre 400 milioni di dischi venduti in tutto il mondo, ottenne la popolarità internazionale dopo la vittoria nel 1974 dell’Eurovision Song Contest, con “Waterloo”. Scioltosi nel 1982, il gruppo è tornato alla ribalta mondiale grazie a un Musical di grande successo, visto da 35 milioni di persone, da cui è stato tratto nel 2008 il film campione di incassi “Mamma Mia”, successo replicato nel 2018 dal sequel “Mamma mia, ci risiamo!”.

Il concerto all’Auditorium di Milano in Largo Mahler sabato 6 aprile (ore 20.30) propone la trascrizione e l’arrangiamento in chiave sinfonica dei brani più famosi del gruppo eseguiti dall’Orchestra Verdi, nel cui organico sono stati inseriti per l’occasione anche strumenti elettrici, con le parti cantate affidate all’Ensemble vocale composto da Caterina Iora e Paola Valentina Molinari (Soprani), Paola Cialdella e Nausica Nisati (Alti) Matteo Magistrali e Fabrizio Vaccari (Tenori) Marco Bordini e Luca Scaccabarozzi (Bassi).

Sul podio il Maestro Andrea Oddone che racconta: “Il gruppo si è sciolto nel 1982, un anno dopo la mia nascita, ma ricordo che da ragazzino ascoltavo la loro musica riprodotta su una cassetta con i titoli delle canzoni scritti a mano. La loro musica mi piaceva molto e tra l’altro, visto che l’inglese non era la loro madrelingua, riuscivo a capire bene le parole delle loro canzoni. Il mio brano preferito era “Thank you for the music” e questo concerto vuole essere anche un modo per ringraziarli per la musica che ci hanno regalato, una musica con uno stile sempre riconoscibile, anche grazie a melodie mai banali, con una “levità” che ne diventa qualità peculiare. D’altronde tutti e quattro i componenti del gruppo avevano una storia musicale personale importante che è proseguita nel tempo a livello sia di canto che di composizione, anche con carriere soliste. Quindi il mio stato d’animo, nell’accostarmi alla loro musica è quello di una “felice nostagia”.

Nell’attesa che si avveri l’annunciata e mai concretizzata reunion del gruppo, questo concerto sarà dunque un’occasione da non perdere per ascoltare la loro musica e apprezzarne lo stile che non è mai banale. 

Il prossimo appuntamento con laVerdi Pops sarà con la musica di David Bowie e Philip Glass (9 giugno 2019)

Biglietti euro 25.00/10.00; Info e prenotazioni: Auditorium di Milano Fondazione Cariplo, largo Mahler; orari apertura: mar/dom, ore 10.00/ 19.00. Tel. 02.83389401/2/3, www.laverdi.org www.vivaticket.it.

Programma

Medley 1 (I have a dream, The winner takes it all, Does your mother know, Mamma Mia, Waterloo, Dancing Queen)

Take A Chance On Me

Super Trouper

Knowing Me, Knowing You

Gimme! Gimme! Gimme!

Thank You For The Music

Summer Night City

Voulez Vous

Medley 2 (The Visitors, Lay All Your Love On Me, When All Is Said and Done)

Fernando

S.O.S.

Chiquitita

Money, Money, Money

The winner takes it all

Dancing Queen

Waterloo

Mamma Mia

(arrangiamenti di Gill Townend e di Matthew Freeman)

I have a dream

The winner takes it all

Does your mother know

Mamma Mia

Waterloo

Dancing Queen

Take A Chance On Me

Super Trouper

Knowing Me, Knowing You

Gimme! Gimme! Gimme!

Thank You For The Music

Summer Night City

Voulez Vous

The Visitors, Lay All Your Love On Me,

When All Is Said and Done

Fernando

S.O.S.

Chiquitita

Money, Money, Money

The winner takes it all

Biografia

Andrea Oddone direttore. Direttore d’orchestra italiano, si dedica regolarmente al repertorio sinfonico e operistico. I suoi impegni concertistici includono inviti con orchestre in Italia e in Europa, tra cui l’Orchestra Sinfonica di Milano “Giuseppe Verdi”; Orchestra Sinfonica Abruzzese; Orchestra Sinfonica di Sanremo; Donetsk National Philarmonic Orchestra “S. Prokofiev”; Orchestra Sinfonica “B. Bruni” di Cuneo; Orchestra “Sinfolario” di Lecco; Orchestra Sinfonica Nazionale Rumena; Orchestra Sinfonica di Asti; Orchestra Sinfonica di Oradea; Orchestra Classica di Alessandria; Orchestra Sinfonica Giovanile del Piemonte; Orchestra Sinfonica di Bordighera e Ensemble Nuove Musiche. Presente nei programmi dei maggiori festival e di varie stagioni musicali, ha diretto più volte concerti trasmessi dalla RAI Radio Televisione Italiana. Il suo repertorio spazia dal Classicismo al Novecento storico, ma non mancano prime esecuzioni assolute o italiane di nuovi lavori. Ha collaborato con innumerevoli solisti e cantanti tra cui: Luca Fanfoni, Silvia Chiesa, Alessandro Marangoni, Luca Santaniello, Marton Kiss, Michele D’Ascenzo, Adele Viglietti, Stefano Cerrato, Chiara Bertoglio, Nikolay Shugaev, Ermir Abeshi, Leonardo Pierdomenico, Filippo Mineccia, Natalia Roman, Elena Bakanova, Marta Mari. Felici anche le collaborazioni con attori quali Antonio Carli, Nicola Olivieri e David Riondino. Attento ai linguaggi “extracolti”, ha collaborato con jazzisti del calibro di Scott Hamilton, Antonio Marangolo, Bobby Dhuram, Gianni Basso. Ha scritto e diretto per esponenti del rock di fama mondiale come Geoff Whitehorn (Procol Harum), Martin Barre e Clive Bunker (Jethro Tull). Apprezzato comunicatore, è spesso chiamato a tenere lezioni/concerto e seminari presso le istituzioni pubbliche e private in merito alla direzione d’orchestra e, più in generale, sulla cultura musicale (ultimo in ordine cronologico l’invito presso il Conservatorio di Santa Cecilia in Roma). È altrettanto richiesto come membro di giuria in occasione di concorsi di esecuzione e come relatore nell’ambito di convegni di studio. Ha studiato presso il conservatorio “Giuseppe Verdi” di Torino diplomandosi col massimo dei voti in composizione e in direzione d’orchestra. Si è perfezionato in Italia e all’estero seguendo numerose master class e innumerevoli produzioni quale assistente.

Ufficio Stampa – LaVerdi

Autore dell'articolo: La Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *