WAKANDA – A Milano la prima esperienza di Realtà Virtuale…in tantissime versioni diverse.

WAKANDA

A Milano la prima esperienza di Realtà Virtuale…in tantissime versioni diverse.

Alla presentazione della sala WAKANDA situata in Via di Porta Tenaglia 1/3 a Milano c’era anche Radio BlaBla. Nelle interviste precedenti avevamo parlato con il Sig. Ravarini delle opportunità che la Realtà Virtuale ci può offrire. Ora siamo andati a testarle in prima persona.

Visore in testa e stiamo salendo in un grattacielo altissimo con un ascensore e il senso di sollevarsi da terra è impressionante. Davanti a noi abbiamo in dettaglio di città vista dall’alto, uccelli che volano e scritte in cielo. Abbassando lo sguardo si vede una piccola passerella di legno da percorrere. Nonostante siamo in realtà ancora a terra tutti i nostri sensi ci “dicono” di non farlo e il senso di vertigine è davvero realistico. A piccoli passi è il momento di procedere e arrivare cosi a sentirsi davvero in mezzo al nulla. Ora serve solo un piccolo passo nel vuoto per provare il senso di cadere. Tolti il visore ci “ricordiamo” che non ci siamo mai mossi da terra. Un’esperienza da brividi.

Ora è il momento di riscoprirsi artisti. Sempre con il nostro visore in testa assolutamente non ingombrante e ne troppo pesante abbiamo di fronte uno spazio vuoto. In mano due cursori : uno dedicato agli effetti e da usare come tavolozza e l’altro per dipingere. Con tutto questo possiamo sbizzarrirci creando veri disegni in 3d, spostandoci tutto intorno ad essi e guardando le nostre creazioni da ogni punto di vista. Davvero divertente per dare il massimo alla nostra fantasia e creatività.

Sono presenti quattro postazioni per gare automobilistiche con simulatori davvero all’avanguardia. Ci si immerge del tutto in questa esperienza di guida anche grazie a delle cuffie cosi da sentire i rombi dei motori. Il senso di sfida è cosi amplificato e a 360° ma state attenti…..non stiamo parlando di banali videogames che si trovano in tutte le altre sale, qui si fa sul serio.

Se vi piace il calcio a WAKANDA si viene accontentati. Si diventa dei veri portieri e si entra in un vero stadio. Visore in testa e con i due cursori che permettono di fare da guantoni per prendere o respingere il pallone. Il fischio d’inizio parte e siamo in postazione. Davanti a noi ci sono sette calciatori che a turno tireranno un rigore e ci si ritrova davvero a spostarsi a destra o sinistra e tuffandosi di lato per cercare di evitare di subire un gol.

Una vera esperienza di totale immersione nel profondo è perfetta per chi vuole calma e tranquillità. Il dettaglio e la cura grafica che si nota una volta entrati sott’acqua è davvero impressionante, quando poi si viene quasi sfiorati da un immensa balena si rimane a bocca aperta e si tende la mano per toccarla. Tutto questo finisce appena ci si toglie il visore e si torna alla realtà, ma si può sempre riprovare.

Il simulatore Icaros è fatto per fisici forti e la voglia di riuscire è forte. Sembra davvero di voltare in alto e bisogna impegnarsi per cercare di centrare dei grossi anelli di luce per fare più punti possibili in pochissimo tempo. Un modo per divertirsi mentre si fa esercizio fisico in tutta sicurezza e una vera sfida per migliorarsi.

Le possibilità a WAKANDA sono tante e anche di tipo architettonico. E’ possibile entrare, sempre tramite il comodo visore, all’interno di un hotel che in realtà è in fase di ristrutturazione. Tramite la realtà virtuale si può vedere come dovrebbe venire al suo completamento a magari intervenire qualora ci fosse qualcosa che si vuol cambiare in corso d’opera.

La genialità sta anche nell’originalità e unire le spade laser di Star Wars con lo schema di gioco alla Guitar Hero non era facile. Cursore in testa, spada laser blu a sinistra e rossa a destra e via in un tunnel di luce. Arrivano a tempo di musica dei cubi rossi o blu e solo con la spada laser del giusto colore si può romperli e andare avanti nel gioco. A rendere l’esperienza più stimolante dei finti muri da dover schivare chinandosi o spostandosi di lato.

WAKANDA è tutto questo ma anche di più e la versione in Realtà Virtuale di una Escpae Room è totalmente soddisfacente su tutti i punti di vista. Si può giocare in due fino ad un massimo di quattro e in stante con ampio spazio di movimento. WAKANDA al momento ha quattro esperienze diverse da poter proporre al pubblico e due sono in ambientazione “Assassin’s Creed” ma sicuramente ne arriveranno molte altre. Alla presentazione era possibile provarne una in stile sy-fy chiamata “Huxley” lunga 45 minuti e divisa in 7 livelli. La cura tecnica è davvero senza difetti, gli enigmi stimolanti, ben contestualizzati con l’ambiente e creati per poter collaborare tra i giocatori. Si parte scegliendo il proprio avatar e via senza fermarsi con il tempo che scorre. Tutto creato e curato alla perfezione per il massimo del divertimento in compagnia.

WAKANDA nasce come punto d’aggregazione e condivisione ma può anche essere usato per sessioni di team building per le aziende, per feste di compleanno e tanto altro. Basta contattare il team di WAKANDA e potrete trovare l’esperienza che maggiormente vi soddisferà.

Il lavoro che ha permesso la realizzazione di questo spazio e di tutte queste esperienze è stato professionale e fatto con passione, davvero complimenti a tutti. La sala WAKANDA è una nuova frontiera di divertimento a Milano e ci aspetta tutti per passare un po’ di tempo in compagnia dei nostri amici ma anche per fare nuoveconoscenze.

Tutte le informazioni e come prenotarsi su : http://wakanda.it/

 

Andrea Arcuri Radioblabla

Autore dell'articolo: La Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *