Giunti Editore Settembre Castelli Gattinara, Accatino, Palmieri, Baraldi…

Giunti Editore Settembre

Castelli Gattinara, Accatino, Palmieri, Baraldi…

 

– E N R I C O  C A S T E L L I  G A T T I N A R A –
Come Dante può salvarti la vita
Giunti Editore | Collana Varia
pp. 240 | 16 euro
In libreria 11 settembre 2019
Nell’era dell’effetto Dunning-Kruger, quella distorsione per cui chi meno sa più crede di sapere, è bello scoprire che invece ci sono stati casi – e tanti – in cui sapere, ricordare ha fatto letteralmente la differenza tra vivere o morire, tra fortuna e miseria, tra resistenza e disperazione. E non il conoscere pratiche estreme di sopravvivenza, ma il fatto di riportare alla mente il brano di un grande classico imparato a memoria ai tempi della scuola, di sapere dove posare le dita davanti a uno strumento musicale, di riuscire a interpretare un dipinto o una scultura, di comprendere un’opera teatrale. Il fatto di avere un piccolo ma solido bagaglio di cultura. Sì, cultura. Enrico Castelli tutti i giorni deve trovare il modo per convincere i suoi ragazzi che sapere serve. E quando loro sbuffano alla richiesta di imparare qualche verso di Dante a memoria, racconta loro la storia di un uomo che grazie a quelle terzine è sopravvissuto al campo di concentramento.

Enrico Castelli Gattinara

Come Dante può salvarti la vita

Conoscere fa sempre la differenza

L’ A U T O R E
Enrico Castelli Gattinara insegna da quasi trent’anni nelle scuole medie, è chiamato a tenere lezioni presso università italiane e straniere e ha partecipato a numerosi convegni internazionali. Si è messo in luce come professore fuori dagli schemi, capace di creare spazi di dialogo liberi tra adulti e ragazzi. Per Giunti ha pubblicato Dieci lezioni sulle emozioni (2018).
– A L F R E D O  A C C A T I N O –
O u t s i d e r s 2
Giunti Editore | Collana Varia Arte  
pp. 240 | 29 euro
In libreria 28 agosto 2019
Outsiders 2 è il seguito di un libro di successo. Un libro in cui si torna a parlare di altre storie
da una storia dell’arte parallela a quella mainstream. Nuove storie di artisti che hanno avuto vite
avventurose, nel bene e più spesso, nel male; a volte straordinarie figure di innovatori che
non hanno avuto il successo che meritavano, a volte involontari o volontari protagonisti
di momenti difficili della storia recente, a volte semplicemente ostacolati da problemi psichici,
dalle proprie idee politiche, dalla povertà. Ma tutte storie sensazionali.

Alfredo Accatino

Outsiders 2

Altre storie di artisti geniali che non troverete nei manuali di storia dell’arte

L’ A U T O R E
Alfredo Accatino è uno dei più noti e premiati creativi italiani. È autore di importanti eventi in
tutto il mondo, dalle cerimonie olimpiche e paralimpiche di Torino 2006 a Expo Milano 2015, ma anche di show televisivi e eventi live. Ha una vasta e variegata produzione editoriale che vede all’attivo manuali di educazione artistica, opere di narrativa e letteratura umoristica, testi di comunicazione. Gestisce un blog di successo, Il museo immaginario, e cura l’omonima rubrica sulla rivista “Art e Dossier”.
– F R A N C E S C O  P A L M I E R I –
L’ incantevole sirena
Giunti Editore | Collana Scrittori Giunti
pp. 372 | 18 euro 
In libreria 4 settembre 2019
L’indagine sui suoi misteri, più di qualsiasi analisi, può svelare l’anima profonda di Napoli. Vergine sublime e meschina, da oltre due millenni intreccia il mito della Sirena Partenope ai riti infami della camorra, i prodigi dei suoi santi cattolici agli occultisti “maledetti” che ospitò (Sansevero, Cagliostro, Crowley). La città sembra consapevole, una generazione dopo l’altra, di incarnare una perenne sfida alla ragione. I suoi illuministi inventarono la jettatura; il demoniaco nazista Heydrich la scelse per le sue orge segrete; fu casa di medium famosi in tutto il mondo; è tomba del poeta mago Virgilio e anche di Leopardi, ma forse perfino del conte Dracula assetato di sangue; e il napoletano più amato persino da chi non ama Napoli, Totò, è venerato come se fosse un beato. Oggi come secoli fa Napoli certifica, perché ci crede veramente, la presenza di folletti e fantasmi. Strade e sotterranei, ossari e reliquiari capaci di far dialogare i vivi e i morti, palazzi di straordinaria bellezza e chiese che ostentano e nascondono centinaia di storie celebri, o dimenticate e recuperate in questo libro. Un invito alla tentazione irresistibile a perdersi, in un tempo senza tempo, nella città dove diventa vero tutto ciò che altrove sembrerebbe inverosimile.

Francesco Palmieri

L’incantevole sirena

Un affresco storico vivacissimo che mette in nuova luce non solo il ritratto di un uomo speciale, ma di un’epoca e di un mondo.

L’ A U T O R E
Francesco Palmieri è nato a Napoli nel 1962. Giornalista, lavora a Roma in un’agenzia di stampa. È autore di Sole, Luna e Talia. Magia e misteri a Napoli (Società editrice napoletana, 1984), Vite pericoloseUomini e fantasmi delle arti marziali (Edizioni Settimo Sigillo, 2009), Il libro napoletano dei morti (Mondadori, 2012), La camorrista (Mondadori ebook, 2013), Le due porte (Ad est dell’equatore, 2015), Piccolo Drago. La vita di Bruce Lee (Mondadori, 2017).
È maestro di Kung Fu e mandolinista.

– B A R B A R A  B A R A L D I –

L’ultima notte di Aurora
Giunti Editore | Collana M
pp. 564 | 19 euro 
In libreria 4 settembre 2019
Le ferite dell’anima sono le più difficili da risanare. Lo sa bene Aurora Scalviati, profiler in un commissariato della provincia emiliana con un doloroso passato alle spalle. Per questo ha accettato di raccontare la sua storia alla conferenza del professor Menni, tra i massimi esperti di disturbi post-traumatici. Ed è proprio qui che Aurora incontra una misteriosa ragazza dai lunghi capelli neri che le rivolge una singolare domanda: «Credi che si possa davvero uscire dal buio?». Un quesito che di lì a poco si trasforma in un testamento, perché la giovane si toglie la vita gettandosi dalla torre del palazzo, sotto gli occhi terrorizzati dei presenti. Un caso archiviato rapidamente come suicidio, ma Aurora non ci vede chiaro ed è ossessionata dalle parole della sconosciuta: un’ultima disperata richiesta di aiuto? Avrebbe potuto fare qualcosa per salvarla? Non c’è tempo però per i sensi di colpa: il ritrovamento di un cadavere orrendamente sfigurato, su una secca in riva al Po, la costringe a rivedere le sue priorità. L’unico indizio è la fotografia di una bambina, che la vittima conservava come un sinistro trofeo. È l’inizio di una caccia serrata a un serial killer feroce, inafferrabile come lo spauracchio di una leggenda popolare raccontata in quelle valli per tenere buoni i più piccoli: il Grigione, che strappa il volto delle sue vittime dopo aver danzato con le loro paure. Aurora sa di non poter fare tutto da sola: ha bisogno di riunire la sua vecchia squadra, i Reietti. Ma quando Bruno e Silvia le voltano le spalle, l’unico interlocutore rimane l’enigmatico Curzi che, pur rinchiuso nell’isolamento di una struttura psichiatrica, sembra conoscere la verità. Un grosso rischio per Aurora, perché scendere a patti con il male può scoperchiare segreti che avrebbero dovuto restare sepolti per sempre…

Barbara Baraldi

L’ultima notte di Aurora


«Solo sporcandoti le mani permetti al resto del mondo di rimanere pulito.»

L’ A U T R I C E
Barbara Baraldi, originaria della Bassa Emiliana, è autrice di thriller, romanzi per ragazzi e sceneggiature di fumetti per la serie «Dylan Dog». Il suo esordio nella letteratura poliziesca avviene sulle pagine de «Il Giallo Mondadori» con La bambola di cristallo. In contemporanea con l’uscita del romanzo in Inghilterra e negli Stati Uniti, viene scelta dalla BBC per la realizzazione del documentario Italian noir sul giallo italiano. Con Aurora nel buio, (Giunti 2017) vincitore del Premio Garfagnana in giallo 2017 e del NebbiaGialla 2018, ha ottenuto uno straordinario successo, confermato dal sequel Osservatore oscuro (Giunti 2018).
@GiuntiEditore
www.facebook.com/GiuntiEditore
www.giunti.it

 

Ufficio Stampa – Giunti Editore

Autore dell'articolo: La Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *