La Super Flavor Milano vince gara 5 e vola alle F4 di Montecatini

La Super Flavor Milano vince gara 5 e vola alle F4 di Montecatini

Paffoni Omega – Super Flavor Milano 64-66 (14-12; 29-25; 43-43; 56-56)

Nell’ultimo e decisivo atto della serie contro la Paffoni Omegna, i milanesi vincono il match dopo un tempo supplementare e conquistano il pass per le F4 di Montecatini dove sfideranno Pescara.

Il Primo Tempo: Dopo un avvio favorevole ai padroni di casa che pronti via siglano un parziale di 10-0, l’Urania reagisce e chiude al 10′ sotto solo di due punti (14-12). Nel secondo quarto è tutta un’altra Super Flavor, i ragazzi di coach Davide Villa infatti allungano sul +9, ma Omegna impatta prima sul 25 pari per poi chiudere il primo avanti sul 29-25.

Il Secondo Tempo: Nella terza frazione non cambia nulla e la partita rimane molto equilibrata. Al 30′ il punteggio dice 43 pari. Nell’ultimo periodo nessuna delle due squadre riesce a trovare la giocata vincente e si va quindi all’overtime. Nel tempo supplementare gli ospiti partono forte e con un break di 0-7, allungano sul 56-63. Omegna non si scompone ed accorcia sul -1, ma non basta. Ad uscire con il referto vincente è proprio la Super Flavor Milano. Il finale è 64-66.

Coach Davide Villa (Super Flavor Milano) commenta così la vittoria: “Ho vissuto momenti di grande tensione e ansia, in modo particolare nell’ultimo possesso dei tempi regolamentari perché abbiamo deciso di non commettere fallo, ma di difendere. Il 7-0 ad inizio supplementare ci ha dato grande energia e anche un pò di tranquillità e alla fine ci siamo riusciti. Non era facile vincere gara 5 fuori casa e neanche vincere la serie visto che eravamo sotto 2-1. Siamo nelle migliori quattro squadre d’Italia e sono molto contento di questo. Pescara? E’ una squadra con buon talento sugli esterni. Inoltre rispetto a noi giocano con il fatto di non avere nulla da perdere e questo può essere un vantaggio, ma noi vogliamo vincere e conquistare la promozione.”

Foto: Steve Photos

Lorenzo Lubrano per RadioBlaBla

Autore dell'articolo: La Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *