“The Quake – Il Terremoto del Secolo” – Recensione in Anteprima. Al Cinema dal 8 Agosto 2019

Un disaster-movie Estivo ? Ve lo consiglia Radio BlaBla in Anteprima…

The Quake – Il Terremoto del Secolo”

Recensione in Anteprima.

Al Cinema dal 8 Agosto 2019

Se siete stanchi delle solite produzioni di Hollywood su catastrofi varie allora questo film è giusto per voi. Ci sono sicuramente molto meno colpi di scena ed effetti speciali di quelli a cui siamo spesso abituati ma questo non significa che il film sia poco interessante rispetto ad altri, semplicemente lo fa in una maniera diversa. La storia è abbastanza classica. Un geologo (Kristoffer Joner ) è troppo ossessionato dal lavoro e sempre in allerta per una possibile emergenza. Un giorno ad Oslo accade quello che nessuno aveva previsto : un gigantesco terremoto che porterà alla devastazione l’intera città. Ricordiamo che “ The Quake – Il terremoto del secolo” è il sequel diretto del film inedito in Italia “The Wave ” che raccontava di uno tsunami nei pressi di Geiranger.

Certamente il budget è di gran lunga inferiore alle classiche produzioni hollywoodiane e quindi le scene più d’azione sono minori sia come quantità che come durata. Quello che però differenzia il film di John Andreas Andersen è la profonda attenzione verso i personaggi. Il nostro protagonista non è il tipico personaggio solo contro la tragedia, indomito nel midollo e pronto a trasformarsi da “uomo medio” a “eroe imbattibile”. Le conseguenze della tragedia avvenuta nel film precedente lo perseguitano come i sensi di colpa e vediamo come gli eventi avvenuti hanno portato infinite ripercussioni anche nella vita privata del protagonista , separato dalla moglie e dai suoi figli. All’attore Ktristoffer Joner viene chiesto l’enorme sforzo mentale di essere sempre in una condizione di fragilità personale e la prova è superata a pieni voti. La pellicola funziona proprio per la voglia di concentrarsi sulle relazioni interpersonali tra i vari personaggi e sul voler presentare il protagonista come pieno di fragilità e difetti.

Il film procede a passo lento (o meglio più lento di quello a cui siamo abituati) ma sicuro e deciso in quello che vuole raccontare e in maniera coerente. Il suo essere diverso rispetto agli altri concentrandosi sui personaggi è un motivo d’interesse da non sottovalutare. Facendo cosi crea maggior empatia con il pubblico non tanto legato a caratteristiche estetiche ma piuttosto a introspezioni e “devastazioni” interne all’animo umano di fronte.

Rimaniamo in attesa del terzo capitolo già annunciato che chiuderà questa trilogia di disaster movie di produzione Norvegese.

Andrea Arcuri BlaBla News

Autore dell'articolo: La Redazione

1 commento su ““The Quake – Il Terremoto del Secolo” – Recensione in Anteprima. Al Cinema dal 8 Agosto 2019

    Anna Biancardi

    (7 Agosto 2019 - 12:41)

    Di solito evito questo genere di film ( sazia di quelli visti negli anni ’70),ma la tua rec. mi invoglia a riprovare visto il nuovo “taglio” che privilegia una visione dall’interno , rispetto agli effetti speciali tanto abusati….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *