laVerdi: Barock Dance a Estate Sforzesca- 20 agosto

Continuano gli appuntamenti con La Verdi al Castello Sforzesco

Barock dance 

La strana coppia a Estate Sforzesca

Musica Barocca e Street Dance

 

Martedì 20 Agosto 2019, ore 21.00

“Barock dance”

Musiche di Rameau e Lully

Danzatori: Jessica Rapelli, Mattia Cuda, Nicolas Versolatto, Emanuela Biazzi

Supervisore artistico Camilla Meregalli

Ensemble laBarocca

Direttore Ruben Jais

Castello Sforzesco, Milano – Cortile delle armi

 

Una serata con Rameau, Lully, la musica barocca e la danza moderna. Sul palco del Cortile delle armi al Castello Sforzesco di Milano, nell’ambito della rassegna del Comune di Milano “Estate al Castello”, martedì 20 agosto (ore 21.00) laVerdi propone ai milanesi e ai turisti una serata molto particolare, con laBarocca, ensemble specializzato nel repertorio barocco e diretto dal Maestro Ruben Jais e quattro giovani danzatori di talento (Jessica Rapelli, Mattia Cuda, Nicolas Versolatto, Emanuela Biazzi) che sotto la supervisione artistica di Camilla Meregalli coreografa e fondatrice di Dimensione Danza (scuola di danza milanese che spesso collabora con l’Orchestra sinfonica di Milano), si esibiranno in varie coreografie per facilitare la comprensione della musica. La danza in questo caso fa da piacevolissimo cornice al messaggio musicale, con assoli, passi a due e a quattro, proposti dai ballerini ciascuno con il proprio inconfondibile stile e con la propria personale interpretazione, dal classico, al moderno, alla break dance.

Una nuova sfida per laVerdi con un appuntamento decisamente originale che amplia l’esperimento messo in atto il 14 febbraio 2014 presso l’Auditorium di Milano in occasione dei 250 anni dalla morte di Jean-Philippe Rameau, (1683-1764) compositore, clavicembalista, organista e teorico della musica d’Oltralpe, figura fondamentale nell’evoluzione del linguaggio musicale ed armonico, tanto che alcune delle sue composizioni furono giudicate all’epoca troppo futuriste e irrealizzabili. A quel tempo era in atto una querelle (che lo vide in opposizione con il filosofo Jean-Jacques Rousseau) tra i sostenitori della tradizione francese (tragédie lyrique) e quella italiana (opera buffa). Secondo Rameau la contrapposizione non aveva senso perché quel che conta davvero è solo l’armonia attraverso la quale la musica esprime il divino ordine universale, mentre la melodia ha che fare essenzialmente con il gusto. La modernità di Rameau trova conferma in questo concerto anche grazie alle coreografie moderne che mescolano stili diversi, come diverse sono le melodie che accompagnano gli estratti musicali dalle sue opere per il teatro a cui Rameau si dedicò a partire dai cinquant’anni, con capolavori quali Zaïs (1748), Castor et Pollux (1737), Dardanus (1739), Les Indes Galantes (1735) e le loro trame ispirate ai miti del mondo classico e medio orientale.

Inoltre durante il concerto verranno eseguiti due brani di Jean- Baptiste Lully (1632-1687), compositore, ballerino e strumentista italiano naturalizzato francese e punto di riferimento per tanti musicisti tra cui Rameau appunto. Di Lully, oltre a Passacaglia, dalla tragedia Armide (anch’essa coreografata) verrà eseguita la celebre Marcia per la cerimonia dei Turchi da Il borghese gentiluomo.

 

Programma

Rameau        Zaïs, Ouverture
Rameau        Castor et Pollux, Ouverture

Rameau        Castor et Pollux, Musiche di Balletto dall’Atto V – Scène VI – Chaconne pour      les Génies qui président aux Planètes et aux Constellations (5′)

Rameau        Castor et Pollux, dall’Atto V – Scène VI: Première Gavotte pour un Génie qui préside aux Planètes et aux Constellations

Lully             Le bourgeois gentilhomme, Marche pour la Ceremonie des Turcs

Rameau        Dardanus, Ouverture

Rameau        Dardanus, Musiche di Scena dal Prologo – Scène II – 1er et 2e tambourins

Rameau        Dardanus, Chaconne (Finale)

Lully              Armide, Passacaglia

Rameau        Les Indes Galantes, Ouverture

Rameau        Les Indes Galantes, Chaconne (Finale)

Rameau        Les Indes Galantes, Ouverture

Rameau        Les Indes Galantes, Chaconne (Finale)

 

Biglietti: euro 15,00/10,00 (posto unico non numerato) acquistabili presso Auditorium di Milano Fondazione Cariplo, largo Mahler; orari apertura: mar – dom, ore 14.30 – 19.00. Tel. 02.83389401/2/3, oppure alla biglietteria del Castello sforzesco la sera stessa del concerto. 500 posti seduti (non numerati) e circa 1000 posti in piedi.

Biografie
Nicholas Versolatto in arte bboy Dovanick.
Ballerino ed insegnante professionista, aspirante coreografo, fondatore del gruppo Godzilla Dice crew. Ha iniziato la carriera di ballerino nel 2008 frequentando un corso di breaking dance a Milano. Con il passare degli anni ha sviluppato la passione per la danza a 360 gradi iniziando a studiare hip hop, house e moderno. Ha partecipato a diverse gare nazionali ed internazionali, trasmissioni tv e spettacoli teatrali quali: top32 hip hop connection 2014 e 2015, move on canale la3, icrew la5, cats con opera populaire, l’inedito “fame da musical” di Lino Villa.

Mattia Cuda

Nato a Milano, all’età di 10 anni inizia gli studi di danza classica, moderna e contemporanea. Giovanissimo si trasferisce a Siena dove inizia lo studio professionale presso l’Ateneo della Danza. Si perfeziona presso la scuola del grande Coreografo Maurice Bèjart (Ecole-Atelier Rudra Béjart). Lavora come solista nella compagnia statunitense Ballet Palm Beach ricoprendo ruoli in qualità di solista. Rientrato in Italia si dedica all’insegnamento e alla coreografia. Direttore Artistico dell’ensemble MAADE ENSAMBLE continua la sua carriera da danzatore free lance in importanti realtà Italiane e Europee.

 

Emanuela Biazzi

Nasce a Cremona e comincia a danzare all’età di 5 anni presso la scuola Dance Studio “C” di Carolyn May Burnett dove studia danza classica seguendo il metodo ISTD e Vaganova e danza contemporanea con Tino Schepis. Nel 2007 entra a far parte della scuola Balletto di Toscana diretta da Cristina Bozzolini dove studia con Eugenio Buratti, Fabrizio Monteverde, Arianna Benedetti, Eugenio Scigliano e Michele Merola. Nel 2010 danza a New York con la compagnia Ajkun Ballet e successivamente entra a far parte dell’Arsenale della Danza alla Biennale di Venezia, sotto la direzione di Ismael Ivo, ballando coreografie di Francesca Harper (Forsythe Company), Kenji Takagi (Pina Bausch Company), Marion Ballester (Anne Teresa Keersmaeker Company), con tournée in Italia e Brasile. Nel 2012 è stagista nella compagnia David Campos Ballet di Barcellona e nel 2013 entra a far parte della compagnia New Dance Company di Amsterdam, con cui danza la coreografia “Spasmodic” di Maurice Causey, già ballerino di Forsythe Company e ballet master al Nederlands Dans Theater. Nel 2017 è ballerina professionista per Biennale Collage alla Biennale di Venezia sotto la direzione di Marie Chouinard e nel 2018 e 2019 si esibisce all’interno del Solo-Duo Dance Festival al Dixon Place di New York.

 

Jessica Rapelli

Inizia i suoi studi artistici all’età di 5 anni, conclude la formazione in Danza Accademica con il biennio di perfezionamento di Margarita Smirnova conseguendo il Diploma al Centro Studi Coreografici Teatro Carcano nel 2008. Si perfeziona con Prisca Picano e diventa Membro del Consiglio Internazionale della Danza CID UNESCO. Partecipa a numerosi stages e concorsi ottenendo premi e riconoscimenti, vincendo la borsa di studio per il Summer Intensive Course Toronto della Vancliffen Arts Foundation. Professionista dal 2012 danza in numerose produzioni maturando esperienza presso i più grandi enti lirici (Teatro alla Scala di Milano, Teatro dell’Opera di Firenze Maggio Fiorentino, Teatro Regio di Torino, Gran Teatro Puccini e Teatro Ekhof) lavorando al fianco di grandi registi e coreografi. E’ danzatrice nel programma “Danza con me” di Roberto Bolle.

 

Camilla Meregalli

Si forma a Milano con lo studio della danza classica con i maestri Francesco Aldovrandi e Walter Venditti e partecipa a stage internazionali organizzati dal Groupe International des 8, nel 1986 consegue il diploma di laurea all’Accademia Nazionale di Danza a Roma.

A Milano, ottiene la direzione della scuola del Teatro delle Erbe di Milano e presso la Palestra DY&G; partecipa a diversi spettacoli, per cui propone proprie coreografie come ballerina solista. Collabora con la compagnia teatrale TSE del Teatro delle Erbe di Milano, mettendo in scena coreografie proprie, che vengono richieste anche per spettacoli in ambientazioni originali, come Danza al Castello, a Pavia. Dai primi anni ‘90 mette a frutto la sua esperienza coordinando la Rassegna DANZAINCONCERTO, presso il Teatro delle Erbe e realizza diversi progetti educativi e formativi con le scuole primarie di Milano.

Nel 2001 fonda con alcune colleghe l’Associazione Espressione Danza-Danza Teatro & Scuola di cui oggi è Presidente, con lo scopo di diffondere la danza nella scuola attraverso la realizzazione di progetti educativi e spettacoli di danza. Nel 2003 costituisce l’associazione culturale DAC – danza arte cultura, di cui è direttrice didattica, oltre che insegnante di danza classica accademica e jazz. Collabora inoltre in qualità di ricercatrice con la rivista Chorégraphie diretta dalla Prof. Flavia Pappacena (Di Giacomo Editore). Coordina oggi il progetto Leggere per… ballare,  insieme a l’orchestra Verdi di Milano, FNASD e Ater Balletto per gli spettacoli CenerentolaIl Flauto magico e Pierino e il lupo. Sue le coreografie di alcuni concerti dell’orchestra Barocca presso l’Auditorium di Milano e la regia delle coreografie tra cui Ballo Excelsior (2015),Schiaccianoci (2016), Sheherazade e Lago dei cigni (2017), Cenerentola e Bella Addormentata (2018), Coppelia 2019.

 

Ruben Jais, direttore

Nato a Milano, contemporaneamente agli studi universitari vi ha compiuto quelli musicali presso il Conservatorio di Musica Giuseppe Verdi, diplomandosi in Musica corale e Direzione di Coro e in Composizione Polifonica Vocale, entrambi i diplomi ottenuti con il massimo dei voti. Si è inoltre diplomato in Composizione, sempre presso lo stesso Conservatorio, dove ha anche compiuto gli studi di Direzione d’Orchestra, perfezionandosi in seguito con masterclass all’estero. È stato Maestro del Coro presso il Coro Sinfonico di Milano Giuseppe Verdi dalla sua fondazione nel 1998 al 2007. Con tale ruolo ha collaborato, tra gli altri, con R. Gandolfi, R. Chailly, C. Abbado, L. Berio, O. Caetani, C. P. Flor, C. Hogwood, V. Jurowski, H. Rilling. Da giugno 2016 è Direttore artistico e Direttore esecutivo della Fondazione Orchestra Sinfonica e Coro Sinfonico di Milano Giuseppe Verdi. Il suo repertorio spazia dai grandi capolavori della musica barocca a quelli della musica classica (sinfonie e musica sacra di Haydn, Mozart, Beethoven), nonché alla riscoperta di brani meno conosciuti di compositori dal XVI al XIX secolo (Zelenka, Scarlatti, Durante, Sammartini). Dirige musica contemporanea, soprattutto di autori italiani, da Castiglioni a Zanolini, da Anzaghi a Nova, da Ligeti a Messiaen, da Califano a Vacchi. Nel 2008 ha istituito laBarocca, ensemble specializzato nell’esecuzione della musica di tale periodo storico, con la quale affronta i maggiori capolavori del repertorio sia strumentale che operistico: dal 2009 laBarocca affianca le Stagioni della Fondazione con una serie di concerti-appuntamenti dedicati ai capolavori dei secoli XVI-XVIII.È stato Direttore Musicale della Mailänder Kantorei, formazione legata alla comunità tedesca di Milano, con la quale si è dedicato soprattutto al repertorio di tale nazione, dal Barocco al Romanticismo, affrontando, inoltre, l’esecuzione integrale delle Cantate sacre di J.S. Bach. Dirige musica strumentale, corale e sinfonica presso varie istituzioni italiane ed estere, quali Biennale di Venezia, Teatro Comunale di Bologna, Milano Musica, Teatro alla Scala, RTSI di Lugano, Festival di Saint Moritz, Teatro Real di Madrid, Orchestra Nazionale del Cile, UiS Stavanger Norway. Da segnalare alcuni importanti appuntamenti che lo hanno visto protagonista insieme a l’ensemble laBarocca. Nel 2016, il debutto presso la prestigiosa Wigmore Hall a Londra con Sonia Prina, la partecipazione presso il Festival MITO con concerti a Milano e Torino, l’inaugurazione del restaurato Teatro Gerolamo, con un programma dedicato a musiche di Vivaldi e Mozart. Oltre alle confermate partecipazioni a MITO SettembreMusica e alla Stagione del Gerolamo, nel 2017 la pubblicazione del CD Heroes in Love – Arie d’opera di Gluck, con Sonia Prina, e nel 2018 del CD The Solo Cantatas for Bass di Bach, con Christian Senn, entrambi per Glossa Music. Il 2019 vede il Maestro Jais protagonista dell’uscita di un CD con la Missa Omnium Sanctorum di Zelenka e di un tour con laBarocca per l’Europa (Londra – Wigmore Hall, Norimberga – Festival Gluck, Bucarest – Festival Enescu) e per l’Italia con 10 concerti.

 

I prossimi appuntamenti della Stagione Estiva 2019

Castello Sforzesco di Milano “Estate al Castello”

 

Giovedì 22 Agosto 2019, ore 21.00

Big Band al Castello!

Musiche di Glenn Miller, Benny Goodman, Chick Webb, Artie Shaw, Count Basie, Duke Ellington, Harry James, Woody Herman.

Tomelleri Big Jazz Band

 

Biglietti euro 15.00/10.00

 Ufficio Stampa – LaVerdi

Autore dell'articolo: La Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *