Armani Exchange Milano: Ecco Shelvin Mack e Aaron White

Armani Exchange Milano: Ecco Shelvin Mack e Aaron White

Nella giornate di giovedì e venerdì sono stati presentati Shelvin Mack e Aaron White. In tutte e due le occasioni, ad introdurli è stato il GM biancorosso Christos Stravropoulos: «Shelvin Mack è un goocatore che ha una carriera importante alle spalle, è un vincente, lo abbiamo voluto per queste caratteristiche. Coach Messina lo voleva già ai tempi del CSKA Mosca ed è stata una delle prime richieste che mi ha fatto. Aaron White è veloce, atletico e ha tanta energia. Sono convinto che piacerà ai nostri tifosi per il tipo di giocatore che è. Sono felice che siano arrivato da noi».

Shelvin Mack

«Volevo giocare di più ed avere un ruolo più importante. Coach Messina mi ha spiegato il progetto, la cultura e la tradizione vincente che ci sono qui e non ho avuti dubbi». Questo il primo pensiero di Shelvin Mack.

«Ho avuto un’ottima impressione sul gruppo. Vogliamo competere ad alti livelli e stiamo lavorando duramente per questo. Ognuno dovrà capire quale sarà il suo ruolo all’interno di questa squadra». Così sul roster

«Sono stato un leader in tutte le squadre in cui ho giocato. Io e Rodriguez dovremo guidare la squadra. Durante la stagione ci saranno partite in cui dovrò segnare di più e altre in cui servirà coinvolgere maggiormente i compagni per centrare l’obiettivo che è la vittoria». Commenta sul ruolo di leader da condividere con Sergio Rodriguez

«Non conosco né l’Eurolega né il campionato italiano, ma non ho paura di questo. Ho parlato molto con Jan Vesely e con Coach Messina e abbiamo discusso del differente regolamento. Per esempio so che qui un giocatore non può chiedere time-out e che non ci sono i tre secondi difensivi…» Su Eurolega ed LBA

Aaron White

«E’ stata fondamentale nel mio sviluppo come giocatore, ovviamente, mi ha dato la possibilità di competere ad un livello molto alto e gli sarò sempre riconoscente, ma la mia mentalità qui sarà la stessa, quella di lavorare duro, aiutare i compagni, l’allenatore, il club. Milano è un passo ulteriore nella mia carriera e dopo Jasikevicius sono entusiasta di poter essere allenato Ettore Messina». Cosi su Coach Jaskivecius ed coach Ettore Messina.

«Sono curioso di giocare con loro. Sono due playmaker che vedono il gioco e questo dovrebbe aiutarmi. Allo Zalgiris giocavamo a ritmi abbastanza bassi qui potrò forse sfruttare meglio la mia velocità in campo aperto». Su Shelvin Mack e Sergio Rodriguez commenta cosi l’ex Kaunas

«Ho sempre giocato con lo stessa mentalità, che è quella di andare in campo per vincere e giocare, allenarsi duramente, perché credo che il basket sia un gioco in cui se lavori duro poi i risultati arrivano. Coach Ettore Messina ha scelto tanti giocatori che stanno bene insieme e sfotterà al meglio anche le mie caratteristiche».

«C’è stata la possibilità della NBA, ma mia moglie abbiamo scelto di rimanere in Europa. Milano è una città molto attraente e la possibilità di giocare qui la consideriamo irrinunciabile. In Europa si gioca un basket diverso rispetto a quello che si vede in America» Commenta così la scelta di Milano

Lorenzo Lubrano inviato per BlaBlaNews

Autore dell'articolo: La Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *