PAROLE FERTILI DEBUTTA A TEATRO CON QUASI GENITORI

PAROLE FERTILI DEBUTTA A TEATRO CON QUASI GENITORI

 

La prima della pièce teatrale nata da Parole Fertili, andata in scena al Teatro Litta di Milano, ha offerto lo spunto per un dibattito medico-scientifico e antropologico sui temi della genitorialità e della fertilità.

Milano, 2 Dicembre 2019 – Venerdì 29 ottobre, al Teatro Litta di Milano, è andata in scena la prima di Quasi Genitori, la pièce teatrale nata da Parole Fertili, il progetto di Corporate Social Responsibility di IBSA dedicato al tema della genitorialità.
Protagonista della storia è una giovane coppia che decide di intraprendere il viaggio alla ricerca di un figlio e che si trova a fare ricorso alle tecniche di Procreazione Medicalmente Assistita (PMA). Nel percorso che i due giovani affrontano assieme non mancano le difficoltà: dall’incomprensione di familiari e amici, al senso di inadeguatezza, fino alle frustrazioni che portano alla colpevolizzazione reciproca. Quasi genitori si caratterizza dunque come uno spettacolo fortemente coinvolgente e di grande intensità emotiva, che porta il pubblico a esplorare gli aspetti più intimi del nostro essere, come individui e nella relazione di coppia.
I temi chiave della pièce, ovvero l’importanza del racconto e della condivisione della propria esperienza per la coppia che decide di intraprendere il percorso della PMA, le implicazioni psicologiche ed emotive di questo percorso, il complesso e delicato rapporto con il medico e le prospettive offerte dalla medicina narrativa, sono stati al centro del dibattito che ha seguito la rappresentazione teatrale.
Moderato dalla giornalista Barbara Rachetti, il confronto ha visto la partecipazione di Rossella Nappi, Professore Ordinario di Ostetricia e Ginecologia presso l’Università degli Studi di Pavia, IRCCS Policlinico Sanmatteo, Alessandra Razzano, psicologa- psicoterapeuta dell’Ospedale Sant’Anna di Torino, C r i s t i n a C e n c i , antropologa e ideatrice del progetto Parole Fertili, L u i s a M u s t o , autrice del blog Fertilmente e fondatrice di Strada per un sogno Onlus.
Dopo un primo commento sullo spettacolo andato in scena e un inquadramento del progetto Parole Fertili, la discussione si è focalizzata su un’analisi medico-scientifica del tema della fertilità: “Secondo i dati più recenti del Ministero della Salute, in Italia sono più di 78 mila le coppie che si sono rivolte nel 2017 a un centro di fecondazione assistita: si tratta dunque di un fenomeno sociale che ha raggiunto oggi una dimensione rilevante. Di queste coppie, circa una su cinque riesce ad avere un figlio: i trattamenti di PMA agiscono infatti per lo più come amplificatori delle potenzialità insite nella coppia, ma sono comunque condizionate da fattori di infertilità, fra i quali l’età è sicuramente

determinante.” – ha dichiarato la Prof.ssa Rossella Nappi – “La fertilità è dono prezioso, che va preservato con cura dall’adolescenza all’età matura, mentre troppo spesso viene data per scontata. In Italia c’è una scarsa conoscenza sui temi della fertilità, non soltanto nei giovani e negli adulti, ma talora anche negli operatori sanitari. Fare corretta informazione è fondamentale per tutelare il valore della fertilità nella popolazione e per dare una prospettiva onesta ed equilibrata alle coppie che si avvicinano alla PMA, senza generare inutili paure o alimentare false speranze”.
“Quasi Genitori racconta le difficoltà psicologiche ed emotive a cui vanno incontro le coppie che affrontano il percorso di PMA. Il racconto e la condivisione delle proprie esperienze, l’empatia da parte di chi accompagna la coppia in questo viaggio sono fattori importanti per il successo delle cure e per il benessere degli aspiranti genitori.” – spiega la Dr.ssa Alessandra Razzano – “Secondo i dati ministeriali, infatti, il 50% delle coppie che intraprendono questo percorso lo abbandonano prima di arrivare alla conclusione. Questa dispersione è frutto per lo più di paure, ansie e frustrazioni: un accompagnamento psicologico diventa dunque fondamentale per alleviare la pressione che vive la coppia. Tuttavia, anche l’accettazione di un supporto a livello psicoterapeutico può essere vissuta con diffidenza e timore, da chi già vive una situazione particolarmente stressante. In questo contesto un ruolo fondamentale gioca la figura del medico, come primo referente della coppia: se adeguatamente formato e sensibilizzato, lo specialista di PMA può infatti svolgere il ruolo chiave nell’indirizzare la coppia verso un percorso di sostegno psicologico, chiarendo dubbi e infondendo fiducia negli assistiti.”
Quasi Genitori è la tappa chiave di un lungo percorso iniziato nel 2016 come progetto di storytelling digitale attraverso la realizzazione di una piattaforma (www.parolefertili.it) concepita come luogo di incontro e condivisione aperto alle donne e agli uomini che hanno intrapreso il percorso della PMA. In ragione del successo riscosso dalla community online, IBSA nel 2018 ha sostenuto la pubblicazione di “Parole Fertili. Viaggio alla ricerca di un figlio”, edito da Mondadori Electa, un libro che racchiude più di 50 storie e vuole rappresentare la restituzione di qualcosa di prezioso a tutte le persone che hanno donato la loro storia alla comunità digitale. Dopo la piattaforma e la pubblicazione del libro, il teatro, con la sua forza comunicativa e la capacità di suscitare emozioni, rappresenta l’evoluzione ideale del progetto.
“Parole Fertili nasce dalla volontà di dare una risposta concreta a un bisogno reale delle persone che affrontano il percorso di PMA. Con la piattaforma digitale abbiamo creato uno spazio di condivisione e di relazione fra persone che vivono emozioni, timori, gioie e dolori comuni e che finalmente possono dare voce alla loro storia. Parole Fertili diventa così un potente strumento di storytelling, attivando quei processi positivi di consapevolezza che sono alla base della medicina narrativa.” – ha dichiarato Patrizia Puppi, Corporate Communication and CSR Manager di IBSA Italia – “Parole Fertili è un progetto dinamico e in continua evoluzione, che vogliamo far crescere anche in futuro

con nuove iniziative, mantenendo fede alla sua vocazione iniziale: aiutare a vivere il percorso di PMA in maniera più naturale e serena, facendo leva su comprensione, condivisione ed empatia.”
Parole Fertili rappresenta il fulcro delle iniziative a supporto della genitorialità che IBSA promuove nell’ambito di un approccio alla CSR che mette al centro l’individuo, dando sostegno a donne, uomini e coppie nell’affrontare il difficile compito di essere genitori.
IBSA guarda, infatti, con grande interesse e attenzione alle molteplici implicazioni della genitorialità e a come essa influenzi il percorso di vita delle persone nelle sue diverse fasi. Per questo l’azienda, che ha fra i suoi pilastri fondanti la persona e la sua cura, promuove progetti e sostiene iniziative che diano un contributo concreto a vivere i differenti passaggi della genitorialità in modo sereno e consapevole, sempre nel rispetto delle peculiari sensibilità personali.
####
IBSA Italia
Nata nel 1992, IBSA Italia, la maggiore fra le filiali del Gruppo IBSA ha il suo headquarter a Lodi, una sede a Roma e due stabilimenti produttivi, a Lodi e a Cassina de’ Pecchi, vicino a Milano. In anni recenti l’azienda è diventata una realtà economica, scientifica e industriale di primo piano nel settore farmaceutico italiano: oggi opera in 12 diverse aree terapeutiche e impiega più di 500 persone. Scienza, innovazione, tecnologia e know-how contraddistinguono da sempre la storia di IBSA e hanno permesso all’azienda di costruire nel tempo un portafoglio prodotti (farmaci, nutraceutici e medical device) unici e innovativi, più funzionali ai reali bisogni di medici e pazienti.
IBSA crede profondamente nell’essere umano e nel suo potenziale, e si impegna a porre l’individuo al centro di ogni sua azione, relazione e progetto. L’attenzione alla persona e al suo benessere è alla base dei progetti di responsabilità sociale attraverso cui l’azienda si impegna a restituire valore sia alle persone – collaboratori, pazienti e loro famiglie – che al territorio e alla comunità che la ospitano. Iniziative e programmi promossi dal gruppo IBSA nell’ambito della CSR sono raccolti nel Rapporto di Sostenibilità, giunto quest’anno alla seconda edizione.

Ufficio Stampa – Heritage House Reputation Architects

Autore dell'articolo: La Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *