“Hammamet” – Recensione in Anteprima. Al Cinema dal 9 Gennaio 2019

“Hammamet”
Recensione in Anteprima.

Al Cinema dal 9 Gennaio 2019
.
Il film diretto da Gianni Amelio racconta gli ultimi 6 mesi di vita di Bettino Craxi. Si concentra molto sul versante privato piuttosto che su quello pubblico di tutta la vicenda presentandoci un Craxi sofferente per la malattia che avanza, amorevole con i nipoti e con un rapporto controverso con entrambi i figli.
.
Pierfrancesco Favino scompare nel make-up e sopratutto nella mimica facciale e dei gesti e la sua interpretazione è misurata e molto somigliante dando un tocco sentito e sofferto a questo grande e controverso personaggio. Solo tramite la sua interpretazione (ancora di più rispetto al taglio dettato dal regista) abbiamo un Bettino Craxi umano con tutti i suoi difetti quali l’arroganza e la vulnerabilità. Il regista Gianni Amelio non fa sconti per nessuno ma non punta neanche troppo il dito rimanendo sempre in bilico tra il voler fare denuncia e raccontare i fatti romanzandoli in parte.
.
Il film risulta molto lungo e i suoi 126 minuti si sentono decisamente tutti sopratutto per due motivi; i fatti che mette in scena non sono neanche tantissimi e risulta molto dilatato nella narrazione. Ogni tanto vengono fuori personaggi, dialoghi e situazioni anche paradossali come un sogno fuori dagli schemi, momenti di forte intrattenimento e passaggi storici riconoscibili ma questo è uno di quei film che non corre mai e decide di portare avanti la sua storia in modo peculiare piena di dettagli e quindi poco fluida.
.
Nonostante tutto Gianni Amelio rimane un grande narrativo onesto con il suo pubblico e senza andare mai fuori dai suoi canoni, Pierfrancesco Favino è certamente il valore aggiunto che potrebbe attira un pubblico solitamente non avvezzo a questo regista e a questo genere ad avvicinarsi anche per conoscere una parte importante della storia politica del nostro paese
.
Andrea Arcuri BlaBla News

Autore dell'articolo: La Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *