75ª Stagione sinfonica I Pomeriggi Musicali, “Anniversari” – 16 e 18 gennaio 2020

75ª STAGIONE SINFONICA

ORCHESTRA I POMERIGGI MUSICALI

Anniversari

 

Direttore Artistico, M° Maurizio Salerno

 

 

Giovedì 16 gennaio ore 20.00

Sabato 18 gennaio ore 17.00

Generale aperta – giovedì 16 gennaio ore 10.00

 

 

Teatro Dal Verme

Via San Giovanni sul Muro, 2 – Milano

 

Beethoven, Concerto per pianoforte e orchestra n. 4, in Sol maggiore, op. 58

Schubert, Sinfonia n. 2, in Si bemolle maggiore, D 125

 

Direttore: George Petrou

Pianoforte: Alexander Kobrin

Orchestra I Pomeriggi Musicali

 

L’esecuzione dell’integrale delle Sinfonie dei cinque Concerti per pianoforte e del Concerto per violino e orchestra di Beethoven nell’anno in cui ricorrono i 250 anni dalla di lui nascita è uno dei fil rouge che percorrono il cartellone della 75ª Stagione sinfonica dell’Orchestra I Pomeriggi Musicali.Giovedì 16 gennaio alle ore 20:00 e sabato 18 gennaio alle ore 17:00, di Ludwig van BeethovenAnniversari proporrà il Concerto per pianoforte e orchestra n. 4, in Sol maggiore; e sarà Alexander Kobrin, pianista moscovita definito dalla BBC il “Van Cliburn dei nostri tempi”, a consegnarcene la propria interpretazione, esibendosi al fianco dell’Orchestra I Pomeriggi Musicali guidata dalla bacchetta del M° George Petrou. Dopo l’intervallo, nella Sala Grande del Teatro Dal Verme risuoneranno le note della Sinfonia n. 2 di Franz Schubert, facente parte di quei lavori giovanili da alcuni considerati portatori di elementi anticipatori del Romanticismo, come da Dvořák, da altri privi di valore se non “da catalogo”, come nell’opinione di Brahms. “[…] l’accostamento tra il concerto di Beethoven e questa primizia schubertiana giunge quanto mai opportuno per riprendere il discorso […] riguardo al cambiamento di ruolo del musicista, e del compositore e solista in modo particolare, avvenuto a inizio Ottocento. […] il giovane Schubert si muove ancora nel solco sicuro della tradizione classica, e forse persino scolastica; ma come sappiamo più avanti sarà proprio lui a fare un balzo in avanti con la sperimentazione della sua produzione cameristica e sinfonica […]. E se anche Schubert non sarà mai comparabile alla smania di sperimentatore di Beethoven, pure si dovrà a lui l’aver raggiunto altre cime, forse meno ardite, ma pur sempre di bellezza inarrivabile” (Dalle note di Sala di Renato Meucci).

 

 

 

I Pomeriggi Musicali

Alessio Ramerino

Autore dell'articolo: La Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *