“Doppio Sospetto” – Recensione in Anteprima. Al Cinema dal 27 Febbraio 2020

“Doppio Sospetto”

Recensione in Anteprima.

Al Cinema dal 27 Febbraio 2020

Accolto molto bene al Toronto Film Festival e dalle forti tinte “hitchockiane” il film di Olivier Masset-Depasse è una storia tutta al femminile ambientata negli Anni ’60. Un susseguirsi di sospetti che partono da semplici antipatie di vicine di casa ad altre situazioni molto più serie.

Si parla di devozione, gelosia e sospetto che in questo caso specifico sono dinamiche tra donna-donna. Il contrasto tra le due funziona bene anche perché è fonte di spunti interessanti e mai presi in considerazione. Inoltre i due personaggi Alice ( Veerle Beatens ) e Cèline ( Anne Coesens ) sono ben caratterizzate ed entrambe vanno incontro ad un percorso similare e per alcuni aspetti totalmente inverso e opposto.L’estetica, i colori e le scenografie sono molto contestualizzate per l’universo femminile in maniera molto kitch e ovattato ma il tutto è una voluta esagerazione delle condizioni un po opprimenti della società in cui il film è ambientato.

Spesso il regista si ferma sui dettagli di vari oggetti che potrebbero essere importanti ai fini della trama e della risoluzione del mistero e la stessa regia muta nel corso della narrazione. Il racconto inizia come una semplice storia alto-borghese fatta di feste e vezzeggiativi cortesi tra amiche tutto diretto in maniera morbida, pian piano che i sospetti e le situazioni cambiano la regia si fa più concitata e serrata e le cortesie lasciano il posto alle isterie.

Purtroppo l’intento di replicare una tensione che non lascia mai un attimo di respiro non riesce perfettamente e troppo spesso lungaggini e situazioni ripetute tendono a rendere il film un pochino stanco nel suo progredire.

Andrea Arcuri BlaBla News

Autore dell'articolo: La Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *