“In Viaggio Verso un Sogno – The Peanut Butter Falcon” – Recensione in Anteprima. Disponibile in Digitale dal 1 Giugno 2020

“In Viaggio Verso un Sogno – The Peanut Butter Falcon”

Recensione in Anteprima.

Disponibile in Digitale dal 1 Giugno 2020

 

 

Zak (Zack Gottsagen), un giovane ragazzo con la sindrome di Down, scappa dalla casa di cura dove vive per inseguire il sogno di allenarsi con il suo eroe e diventare un wrestler professionista. In un’imprevista svolta del destino, la strada di Zak s’incrocia con quella di Tyler (Shia LaBeouf), un burbero fuorilegge in fuga. Tra i due nascerà un’amicizia così forte da riuscire persino a convincere Eleanor (Dakota Johnson), amorevole ma determinata tutrice di Zak, a unirsi al loro viaggio verso la Florida. Un’avventura moderna in stile Mark Twain per sognare senza limiti.

Risulta davvero piacevole vedere Dakota Johnson lontana dalla stanza rossa della trilogia di “50 Sfumature di Nero” in modo che possa dimostrare di essere una brava attrice anche in contesti differenti. Shia LaBeouf ex ragazzo prodigio e quasi perso nei suoi problemi personali, continua a cercare il riscatto con film a basso budget come questo e dove si trova particolarmente a suo agio. Il protagonista ZackGottsagen è un’incredibile scoperta di bravura e simpatia, sempre perfettamente equilibrato e spontaneo nella sua performance.

Proprio da quest’ultimo aspetto partono i registi Tyler Nilson e Michael Schwartz : la sincera espressività di Zack Gottsagen è garanzia delle loro buone intenzioni. In alcuni momenti il giovane protagonista risulta quasi insopportabile con battute fuori luogo facendo risultare il film per nulla stucchevole o costruito, specie nei momenti drammatici. Una parte del pubblico potrà trovare la disabilità di Gottsagen un po’ sfruttata in alcuni frangenti come se il film abbia bisogno di questo come forza propulsiva per l’intera vicenda e unica motivazione di interesse.

Tra i tanti pregi di questa pellicola ritroviamo delle ottime performance del trio protagonista che risaltano il ruolo di personaggi disadattati ma con tanta voglia di connettersi. Le varie vicende secondarie come la fuga di Zak e la ricerca di Eleonor, i guai personali di Tyler e i vari personaggi secondari che incontriamo, sono la perfetta unione di una trama che viene spinta per tutta la sua durata con molti spunti interessanti. Nonostante tutto questo, il film trova comunque un ritmo gentile, mai frenetico e mai disordinato. Inoltre la pellicola risulta ben stratificata man mano che il film avanza e le storie dei tre protagonisti s’intrecciano senza mai diventare troppo sdolcinate.

Per tutte queste motivazioni e per altre che possono scaturire da sensibilità personali, non si può evitare di ammettere che tutto quello che si vede sullo schermo risulti commovente sotto forme e modalità differenti. La vicenda, ben chiara e precisa, risulta a volte un po “episodica”: vi sono molti momenti e personaggi che vivono in attimi sfuggevoli e non portano molto alla storia se non le loro peculiarità sopra le righe.

Questo film indipendente è passato inosservato dal pubblico mainstream nonostante un buon incasso in America. La sua uscita al cinema, anche in Italia, dev’essere presa come occasione per non farselo scappare assolutamente.

IMPORTANTE : Grazie a Officine UBU, il film arricchirà numerosi cataloghi online, in particolare anche quello della nuova piattaforma digitale #iorestoinSALA, fortemente voluta e gestita dagli esercenti cinematografici che gestiscono circa 70 strutture per un totale di circa 170 schermi e che in attesa di poter tornare a riempire fisicamente le sale, chiuse a causa della pandemia, hanno deciso di creare una soluzione on-line per soddisfare le necessità dei propri spettatori. La visione online verrà garantita dalla piattaforma nazionale Mymovies del gruppo GEDI, che raccoglierà i film nelle categorie “current o catalogo”. La visione web sarà affiancata da una serie di attività collaterali quali presentazioni, dibattiti e promozioni.

Andrea Arcuri BlaBla News

Autore dell'articolo: La Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *